Homepage Chi siamo Informazioni Legali Privacy Mappa del sito Contatti

Cerca hotel

Data check-in
 
Data check-out
 

 
 
RICERCA PER TIPOLOGIA
* Appartamenti
* Case Vacanza
* Ville e Villette
* Villaggi & Residence
* Hotel & Resort
* Masserie
* Dimore Charme
* Bed & Breakfast
* Agriturismo
* Camping e soste camper
 
Vacanze a Otranto
Vacanze a Porto Badisco
Vacanze a Alimini/Frassanito
Vacanze a Torre Sant'Andrea
Vacanze a Torre dell'Orso
Vacanze a S. Cesarea Terme
Vacanze a Castro Marina
Vacanze nell'entroterra
 
Offerte
 

 

OTRANTO: LA CATTEDRALE

Navata centrale della cattedrale di Otranto

La cattedrale sorge sul luogo pi¨ alto della cittÓ e fu concepita per essere la chiesa pi¨ autorevole di tutta la Puglia. Edificata sui resti di una domus romana, di un villaggio messapico e di un tempio paleocristiano, essa si offre imponente allo sguardo in piazza Basilica. La piazza, di forma triangolare, Ŕ calibrata per dimensioni sull’altezza della facciata del tempio. Il magnifico rosone fu realizzato probabilmente tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, mentre il portale, barocco, risale al 1674 ed Ŕ opera di Ambrogio Martinelli. La basilica ha tre navate, suddivise da due file di colonne, molti dei capitelli delle quali risalgono al XII secolo. La planimetria Ŕ quella delle grandi chiese benedettine: il transetto, non sporgente, Ŕ suddiviso da arconi longitudinali e le navate terminano con absidi proporzionati alla loro larghezza. La copertura, a capriate, Ŕ celata dal cassettonato dorato voluto nel 1693 dall’arcivescovo F. Maria De Aste.
Lungo le pareti sono tuttora visibili resti di affreschi a soggetto sacro. La cattedrale era probabilmente completamente dipinta ma nel 1480, quando i turchi la convertirono in moschea, distrussero tutte le immagini, con eccezione di quella della Madonna, che anch’essi veneravano.
Entrando, sulla sinistra, troviamo una fonte battesimale del XVII secolo; sulla destra, in cima alle scale che portano alla cripta, ci sono quattro colonne monolitiche in pietra leccese pregevolmente lavorate, opera del Riccardi del 1524.
Nell’abside di sinistra sono contenuti il ceppo della decapitazione e le reliquie dei martiri di Otranto, custodite in grandi armadi protetti da vetri ed esposte alla devozione dei fedeli.

APPROFONDIMENTI:
- IL MOSAICO PAVIMENTALE

- LA CRIPTA

Facciata della cattedrale di Otranto Rosone della Cattedrale di Otranto

ę 2008-2017  Copyright Kal˛s ýrtate - E' vietata la riproduzione
Kal˛s ýrtate Agenzia di promozione turistica e di pubblicitÓ in internet – Via Mazzini, 88/A – 73025 Martano (Lecce)
P.I.: 03401370758

www.otranto-vacanze.it - Tel. 0836/571704 - Cell. 338/3285423 - info@invacanzanelsalento.com